Articolo Il ruolo delle imprese culturali e creative nel raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030

Il ruolo delle imprese culturali e creative nel raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030

pubblicato il:

La crisi economica causata dalla pandemia da Covid-19 ha avuto un impatto particolarmente rilevante per il settore delle imprese culturali e creative. Tuttavia, stanno emergendo nuove interessanti opportunità, legate alla rapida escalation dell’accesso digitale, al ruolo cruciale della cultura nella promozione della coesione sociale e del benessere psicologico e al prezioso contributo che la cultura e la creatività possono fornire per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e il Green Deal Europeo.

Infatti, oggi più che mai, è evidente il peso della cultura e della creatività per la società tutta. La partecipazione attiva alla vita culturale, lo sviluppo delle libertà culturali individuali e collettive, la protezione del patrimonio culturale materiale e immateriale, la protezione e la promozione di varie espressioni culturali sono componenti centrali dello sviluppo umano e possono senz’altro avere effetti positivi in altre aree dello sviluppo sostenibile.

A partire da questa premessa, il nuovo policy brief “Culture and creativity in the post Covid-19 world: reaching the sustainable development agenda goals” realizzato dalla Community Interreg MED Social&Creative si propone di analizzare il contributo che il settore culturale e creativo può offrire ai fini del raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile. Il documento, il tredicesimo prodotto dal partenariato di progetto, offre anche suggerimenti su cosa possono fare i territori per agevolare questo processo e raccomandazioni rivolte ai decisori politici.

Per ulteriori informazioni sui temi indagati dalla Community Social&Creative, è possibile consultare la serie completa di policy brief [qui].

Documenti allegati